DM 11.01.2017: obbligo di certificazioni ISO 14001 e SA 8000

 

Nell’allegato 2 al DM 11.01.2017 sono riportati i CAM cioè i “Criteri Ambientali Minimi per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici e per la gestione dei cantieri della pubblica amministrazione.

L’allegato 2 definisce i “criteri ambientali”, individuati per le diverse fasi di definizione della procedura di gara, che consentono di migliorare il servizio o il lavoro prestato, assicurando prestazione ambientali al di sopra della media del settore.

La presenza di requisiti ambientali dovrebbe essere segnalata fin dalla descrizione stessa dell’oggetto dell’appalto, indicando anche il decreto ministeriale di approvazione dei criteri ambientali utilizzati.

Le imprese devono possedere la registrazione EMAS oppure una certificazione secondo la norma ISO 14001 o secondo norme di gestione ambientale basate sulle pertinenti norme europee o internazionali, certificate da organismi di valutazione della conformità.

Devono inoltre assicurare il rispetto dei diritti umani e condizioni di lavoro idonee (devono essere in possesso della SA 8000:2014).

http://www.minambiente.it/sites/default/files/archivio/allegati/GPP/2017/dm_edi_tess_arredi.pdf

 

 

Appalto di bonifica e iscrizione all’albo nazionale dei gestori ambientali

 

T.A.R. Puglia, Bari, Sez. I, 22 settembre 2016, n. 1126

Nel caso in cui l’oggetto dell’appalto comprende anche l’attività di bonifica dei siti inquinati, ciascuna impresa partecipante alla procedura deve possedere tutti i requisiti di carattere generale di ammissione alla gara: in particolare l’iscrizione all’Albo nazionale dei gestori ambientali, propedeutica all’iscrizione camerale, deve estendersi alla categoria relativa alla bonifica dei siti inquinati.

Nuove norme ISO 9001:2015 e ISO 14001:2015

Informativa relativa alla transizione delle nuove norme ISO 9001:2015 e Iso 14001:2015.

Sono state pubblicate in data 15 settembre 2015 le nuove edizioni delle norme ISO 9001 (per la certificazione di Sistemi di Gestione Qualità) e ISO 14001 (per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientali).

Nel documento ufficiale, ACCREDIA comunica che (circolare n.13/2015 del 09/07/2015):

” la norma ISO 9001:2015 andrà a sostituire la ISO 9001:2008, che verrà contestualmente ritirata, ma che continuerà a valere nel periodo di transizione. La norma ISO 14001:2015 andrà a sostituire la ISO 14001:2004, che verrà contestualmente ritirata, ma che continuerà a valere nel periodo di transizione”.

Per i tre anni successivi alla data di pubblicazione delle nuove norme saranno valide sia le certificazioni emesse a fronte della ISO 9001:2008 e della ISO 14001:2004, sia le certificazioni emesse a fronte delle nuove ISO 9001:2015 e ISO 14001:2015;

alla scadenza dei tre anni della pubblicazione delle nuove norme le certificazioni accreditate con le norme precedenti non saranno più valide.

La data di scadenza delle certificazioni ISO 9001:2008 e ISO 14001:2004 emesse durante il periodo di transizione dovrà corrispondere alla fine del periodo di transizione di tre anni, cioè 15 settembre 2018.

Le certificazioni ISO 9001:2015 / 14001:2015 sotto accreditamento potranno essere emesse solo dopo che l’organizzazione abbia dimostrato la conformità del proprio sistema alle norme aggiornate.

Ai fini della transazione è necessario effettuare un audit presso ogni cliente; sulla base dell’accordo stabilito con le organizzazioni certificate, l’ente potrà condurre le attività di transizione in occasione di un audit di sorveglianza pianificato, o di un audit di rinnovo, o di un audit speciale.

Attività di certificazione:

  1. Nuove certificazioni e rinnovi. Le certificazioni ISO 9001:2008/ ISO 14001:2004 possono essere rilasciate o rinnovate a fronte delle ISO 9001:2008 / ISO 14001:2004 anche in data successiva alla pubblicazione delle nuove norme. La data di scadenza delle certificazioni ISO 9001:2008 e ISO 14001:2004 emesse o rinnovate durante il periodo di transizione dovrà però corrispondere alla fine del periodo di transizione di tre anni.
  2. Revoche. Dopo 36 mesi pubblicazione della ISO 9001:2015 / ISO 14001:2015 non saranno più valide le certificazioni accreditate a fronte della ISO 9001:2008 / ISO 14001:2004, e dovranno essere revocate ( data limite: 15/09/2018).